Edizione 2008/09

Nato come progetto con una valenza prettamente locale, rivolto alla sola provincia di Udine e alle Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di primo grado, il Concorso si è ampliato negli anni andando a coinvolgere anche le Scuole Superiori e di tutto il territorio nazionale. Dai 10 istituti scolastici presenti alla prima edizione, per un totale di 227 studenti, si è arrivati, nell'edizione 2008/2009 a 38 scuole coinvolte con un totale di 1.150 studenti, provenienti da 11 Regioni italiane.

Dall'estensione a più gradi scolastici è nata anche la necessità di suddividere il Concorso in due bandi, uno riservato alle Scuole dell'Infanzia, Primarie e Secondarie di primo grado e l'altro alle Scuole Secondarie Superiori, per rispondere in modo più mirato alle esigenze legate alle diverse fasce di età dei ragazzi, pur nell'intento generale di Fabbricando che è quello di favorire un maggior interesse dei giovani per la conoscenza scientifica e tecnica e di incentivare la cultura del "saper fare".

Il successo dell'iniziativa è testimoniato non solo dalla numerosa partecipazione raggiunta ma anche dalla qualità dei lavori presentati, dimostrazione dell'entusiasmo e della motivazione che studenti e docenti hanno posto nella realizzazione degli elaborati.

Carla de Colle, presidente ABS spa

La Commissione della Quarta Edizione del Concorso nazionale “Fabbricando 2009”, promosso dall’ABS S.p.A., si è riunita in seduta conclusiva e deliberante mercoledì 29 aprile 2009 alle ore 15.00 presso la sede della Società, per esaminare i lavori relativi al 1° Bando (Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di primo grado).

La Commissione è composta da: Fabio Valerio Carniello (Direttore Science Centre Immaginario Scientifico di Trieste), Bruno Forte (Pedagogista), Antonino Pollio (Docente dell’Ufficio Scolastico Regionale FVG), Ettore Tamos (Capo Redattore de “Il Mondo”), Gaetano Vinciguerra (Docente di Scuola Primaria), Carla de Colle (Presidente ABS).

Hanno aderito al 1° Bando del Concorso 24 lavori, provenienti da 21 Scuole, che hanno coinvolto 837 allievi e 63 insegnanti. I lavori sono giunti da 7 Regioni italiane: Campania (Napoli), Emilia Romagna (Reggio Emilia), Friuli Venezia Giulia (Udine, Pordenone, Trieste, Gorizia), Lombardia (Lecco), Piemonte (Cuneo), Puglia (Taranto), Veneto (Vicenza).

Le opere premiate sono a disposizione delle scuole partecipanti al Concorso e potranno essere utilizzate a scopo didattico oppure come materiale di studio per corsi di aggiornamento.Restano inoltre a disposizione nella sede della Società.

Sulla base dei seguenti criteri di valutazione:
» qualità della progettazione didattica
» originalità
» complessità
» efficacia della comunicazione
» interazione con il contesto territoriale

la Commissione ha deciso di assegnare i seguenti premi:

1° PREMIO ex aequo
C. COLOMBO “Metallario 2010”

Per la complessità e l’originalità del percorso, sia nella fase delle visite di esplorazione del territorio, sia nella rielaborazione creativa e costruzione del manufatto. Si colgono la riflessività e l’interdisciplinarietà delle esperienze, che riescono a coniugare la dimensione fantastica con l’esigenza pragmatica.

1° PREMIO ex aequo
IL PETTIROSSO “Esploriamo... elaboriamo”

Per la reinterpretazione gioiosa e fantastica da parte dei bambini, veri protagonisti del lavoro come vuole lo spirito del Concorso. L’elaborato, pur nella sua semplicità, mostra il valore didattico dell’esperienza polisensoriale e inconsueta, che ha preso spunto dalla visita di un’azienda innovativa del territorio.

2° PREMIO ex aequo
S. LORENZO “Andar per aziende, andar per vigne, dalla vite al vino”

Per la ricchezza del percorso didattico e per la qualità sia dei manufatti realizzati dai bambini che della documentazione fornita, capaci di testimoniare la straordinaria varietà dei momenti esperienziali e creativi e dell’uso di tecniche e linguaggi coinvolti nello svolgimento dell’attività.

2° PREMIO ex aequo
G. CARDUCCI “Nuova vita alla plastica”

Per la capacità di rigenerare un materiale al centro dell’attenzione per l’impatto ambientale, con l’invenzione di prodotti finali (come l’abito da sposa e la poltrona di bottiglie) che diventano oggetti di design.

3° PREMIO
N. SAURO “Il sole ci illumina e l’ombra ci racconta”

Per aver affrontato un tema tipicamente scientifico attraverso la simulazione, che utilizza una sorte di “macchina del sole” costruita in maniera ingegnosa. Il prodotto avrebbe potuto essere maggiormente valorizzato con una documentazione più ampia.

MENZIONI
La Commissione assegna 3 menzioni:

E. DE AMICIS “Antiche cose... di casa”

Per il raccordo con il territorio e l’idea di orientare le giovani generazioni verso un’interpretazione creativa della tradizione ceramica.

D. ALIGHIERI “Progetto mosaico”

Per il salto culturale dall’artigianato all’industria, prendendo lo spunto dalla lavorazione artistica del mosaico per elaborare una provocazione di processo automatizzato. Emerge così una sensibilità verso i sistemi produttivi disegnati e riprodotti in prototipi.

MISKOLIN KEKEC “Il gioco dei mestieri: ieri ed oggi giocare per conoscere, ricordare ed apprezzare”

Per il passaggio dall’esperienza al gioco come reinterpretazione di narrazioni ed esperienze. Si sottolinea il raccordo tra ieri e oggi come avvio dei bambini alla consapevolezza del cambiamento. Una maggiore attività diretta dei bambini avrebbe arricchito ulteriormente l’itinerario.

^ torna su

La Commissione della Quarta Edizione del Concorso nazionale “Fabbricando 2009”, promosso dall’ABS S.p.A., si è riunita in seduta conclusiva e deliberante giovedì 30 aprile 2009 alle ore 9.00 presso la sede della Società, per esaminare i lavori relativi al 2° Bando (Scuole Secondarie Superiori).

La Commissione è composta da: Bruno Forte (Pedagogista), Domenico Passaro (Dirigente Scolastico nell’’USR del FVG), Ettore Tamos (Capo Redattore de “Il Mondo”), Andrea Tilatti (Professore Associato dell’Università degli Studi di Udine – Facoltà di Scienze della Formazione), Alfredo Poloni (Direttore CRD Danieli), Carla de Colle (Presidente ABS).

Hanno aderito al 2° Bando del Concorso 18 lavori, provenienti da 17 Istituti, che hanno coinvolto 313 allievi e 54 insegnanti. Gli Istituti aderenti all’iniziativa sono: Centri di Formazione e Aggiornamento Professionale, Istituti Professionali, Istituti Tecnici Industriali, Istituti Tecnici Commerciali, Istituti per Geometri e Licei. I lavori sono giunti da 9 Regioni italiane: Calabria (Vibo Valentia), Campania (Napoli, Salerno), Friuli Venezia Giulia (Udine, Pordenone), Lombardia (Sondrio), Marche (Macerata), Puglia (Bari), Sicilia (Siracusa), Toscana (Firenze), Veneto (Vicenza).

Le opere premiate sono a disposizione delle scuole partecipanti al Concorso e potranno essere utilizzate a scopo didattico oppure come materiale di studio per corsi di aggiornamento. Restano inoltre a disposizione nella sede della Società.

I criteri di valutazione su cui si è basata la Commissione per la valutazione delle opere sono stati:
» qualità della progettazione didattica
» originalità
» complessità
» efficacia della comunicazione
» interazione con il contesto territoriale.

La Commissione sottolinea che tutti i lavori presentati evidenziano un eccellente livello progettuale, tecnico ed inventivo, rispondendo brillantemente allo spirito del Concorso, con un’attenta interazione con il territorio e una forte sensibilità alla sicurezza nell’ambiente di lavoro. La Commissione ha deciso di conferire i seguenti premi:

1° PREMIO ex aequo
A. MALIGNANI “Taglio Adiabatico: A.S.S.M. Adiabatic Super Shearing of Metals”

Per la complessa progettualità di una soluzione alternativa che riassume diversi vantaggi competitivi: semplicità dell’ideazione, economicità dell’esercizio, basso impatto ambientale e alta qualità del risultato. Il tutto come frutto di un’importante integrazione scuola – azienda.

1° PREMIO ex aequo
BEARZI “Impianto fotovoltaico stand-alone con inseguitore solare”

Per il processo coerente dall’ideazione alla realizzazione e verifica con analisi delle problematicità. Si sottolinea inoltre la trasferibilità dei saperi, il coinvolgimento proficuo degli allievi e l’efficacia della comunicazione.

2° PREMIO
L. DA VINCI “Alfred, move your body... please”

Per la complessità della realizzazione che ha evidenziato la collaborazione integrata tra gli indirizzi dell’Istituto (capace di forte dinamicità propositiva, come dimostra il progetto dell’apriscatole apprezzato dalla Commissione) e l’attenzione per il mondo delle diverse abilità. Si sottolinea il rapporto attivo ed efficace con le realtà istituzionali, sociali e della ricerca.

3° PREMIO ex aequo
E. BARSANTI “Progetto di un aereo da trasporto a basso impatto ambientale e basso consumo”

Per il contenuto innovativo del lavoro, che esplora un campo di ricerca molto sofisticato e suggerisce sviluppi capaci di suscitare l’interesse dell’industria del settore.

3° PREMIO ex aequo
G. MARINELLI “Innovazione ai confini”

Per l’ottima qualità della progettazione didattica e dell’esposizione comunicativa, capaci di rendere al meglio gli obiettivi di comprensione della realtà produttiva ed innovativa del territorio. Si sottolinea l’interessante applicazione del lavoro di gruppo mutuata dalla metodica vista in azienda.

MENZIONI
La Commissione riscontra favorevolmente l’attenzione riservata al tema delle energie alternative ed intende perciò riconoscere una menzione ai seguenti Istituti:

MALIGNANI 2000 “Eliostato”

E. TORRICELLI “Integrazione di un sistema di generazione termoelettrico (Motore Stirling-Generatore MP) su un concentratore solare”

FILADELFO INSOLERA “Future Sea S.r.l.”

^ torna su